Una veduta di punta Pascone
di Giovanni Del Giaccio Domenica 18 Agosto 2013

VENTOTENE, RAGAZZA DI 19 ANNI SUICIDA PER AMORE: LANCIO IN MARE IL GIORNO DEL SUO COMPLEANNO

LATINA - Un volo di ottanta di metri per togliersi la vita nel giorno che avrebbe segnato un altro piccolo passo nel mondo degli adulti: il suo 19esimo compleanno. E l'annuncio del suo gesto in due lettere lasciate al padre e al fidanzato.
La mobilitazione e la speranza di un'intera isola non sono bastate per scongiurare il suicidio di una ragazza a Ventotene. Ora gli abitanti e i villeggianti sono sotto choc, in un'isola già segnata dalla morte di due 14enni romane in gita scolastica, travolte nel 2010 da un costone crollato sulla spiaggia di Cala Rossano. Sull'episodio della scorsa notte il sindaco, Giuseppe Assenso, ha proclamato il lutto cittadino, sospendendo tutte le manifestazioni in programma. La notte scorsa, la 19enne si trovava in campagna a Punta Pascone a casa del fidanzato, un ragazzo del posto suo coetaneo. Alcune ore prima aveva avuto qualche discussione in famiglia e - come diversi conoscenti raccontano - «già da tempo viveva un periodo burrascoso sul piano personale». Era l'una e tutto è successo in pochi istanti. La ragazza ha lasciato una lettera. Poi si è allontanata in silenzio e da allora nessuno l'ha più vista. Quando il fidanzato ha letto quel foglio scritto da lei, è corso fuori per cercarla e ha dato l'allarme. Sono scattate le ricerche in tutta l'isola, che si è mobilitata immediatamente per cercarla. Poco dopo la Protezione civile ha recuperato la ragazza in fin di vita, precipitata su uno scoglio: si era lanciata da un muretto all'altezza di circa 80 metri. Il corpo, finito sugli scogli, era scivolato in acqua e lo hanno recuperato le forze dell'ordine trasportandolo poi al porto romano dove i medici hanno tentato una rianimazione. Nel porticciolo, nella notte, si sono radunati decine di abitanti dell'isola e molti turisti. La salma è stata trasportata in aliscafo a Formia per l'autopsia. Il ritrovamento a Punta Pascone, che si trova dalla parte opposta rispetto al porto di Ventotene, ha sconvolto tutta l'isola, dove è stato proclamato il lutto cittadino. Il sindaco ha sospeso tutte le manifestazioni in programma. «È una tragedia che ci sconvolge e che ha colpito tutta l'isola - ha detto il primo cittadino - Era una ragazza giovanissima, la conoscevamo tutti. Viveva qui, stava provando a lavorare. Non riusciamo a comprendere come sia potuto succedere». La giovane aveva vissuto con la madre diversi anni in Germania e poi era tornata a vivere a Ventotene insieme al padre. Ieri, hanno raccontato alcuni conoscenti, la ragazza voleva organizzare la sua festa di compleanno, poi saltata all'ultimo momento.